Ri-Progetto privilegia il recupero edilizio e il risparmio energetico

Ristrutturando gli edifici esistenti, possiamo:

  • ridurre i consumi di risorse e di energia;
  • avere un impatto minore sull’ambiente naturale;
  • risparmiare.

I lavori di ristrutturazione hanno costi mediamente inferiori rispetto ai lavori di nuova costruzione.

Inoltre, la riduzione dei consumi si traduce in un risparmio economico che può avere un notevole impatto sui costi di gestione degli immobili.

architetto casaclima valdagno vicenza

Adeguare l'abitazione alle proprie esigenze

Ai cambiamenti sociali, economici e degli stili di vita consegue la necessità di ri-adattare gli spazi in cui viviamo. Nell’arco di vita di un edificio le famiglie crescono e poi si restringono…

  • Le coppie senza figli o i single sono più frequenti di un tempo…
  • Non ci si può più permettere una casa così grande e vuota…
  • Ho la necessità di avere uno spazio per lavorare da casa…
  • …O di accogliere in casa una persona anziana…

Recupero edilizio = Confort

Molte delle nostre case sono poco salubri, perché fredde o umide, e di conseguenza anche poco confortevoli.
Grande parte delle problematiche nascono dalla mancanza di isolamento termico dell’involucro edilizio e da una inadeguatezza di quest’ultimo nel gestire l’umidità interna.

Le case esistenti sono case di qualità...

Molti edifici esistenti sono costruiti con materiali durevoli e di qualità che, con un intervento mirato, possono essere valorizzati e integrati in un edificio che risponda a standard di comfort attuali.

La tua casa è parte della tua identità

L’architettura tocca l’uomo nella sua sfera più intima, quella della ‘casa’, perciò l’impatto emotivo dei luoghi che viviamo quotidianamente va tenuto in considerazione.
Certi edifici, ad esempio, ci parlano della nostra storia personale, che diventa un valore aggiunto da non perdere, oppure si trovano in un contesto al quale siamo molto legati e non vogliamo lasciare…

Favorire le relazioni sociali

Tra gli ingredienti di una buona architettura urbana ci sono, da sempre, le persone e la loro vita quotidiana, i loro modelli sociali e le relazioni tra spazio pubblico e privato: tutto questo costruisce luoghi significativi perché crea socialità. Abitare un luogo consolidato e densamente abitato significa vivere la dimensione di quartiere, avere uno stile di vita più a misura d’uomo e più aperto alle relazioni.

Gli spazi delle case "vecchie"

Molte abitazioni del passato lontano o più recente hanno caratteristiche dimensionali, di luminosità o di articolazione degli spazi a cui riconosciamo ancora una certa qualità.

Il patrimonio edilizio italiano è datato, e va recuperato

Circa il 30% degli edifici è stato costruito prima del ‘45 e circa il 50% tra il 1946-1980.
(Fonte: CRESME)

Molti di questi edifici necessitano oggi di interventi di manutenzione straordinaria. Non recuperarli o mantenerli significa abbandonare il territorio ad un degrado diffuso. Da 20 anni, stiamo consumando circa 8 metri quadrati al secondo di suolo vergine per attività edilizia e di infrastrutturazione e il fenomeno non sembra arrestarsi, nonostante l’attuale congiuntura economica.

Dal secondo dopoguerra ad oggi si è ‘consumato’ circa il 7,5% del suolo nazionale.

Il Veneto, assieme alla Lombardia, registra i valori percentuali più alti a livello nazionale (superiore al 10%).
Recuperare gli edifici esistenti permette di limitare il consumo di suolo e di gestire il territorio in maniera più sostenibile dal punto di vista paesaggistico, idrogeologico e della dispersione insediativa.

ENRICA MATTIELLO ARCHITETTO

Segui ri-progetto:
Via Puccini, 736078 Valdagno (VI)
info@ri-progetto.it

Pin It on Pinterest

Share This